riflessioni, sociale

“Guarda…quì c’è la Palestina”

1937449_10204398646555099_3719736873358536572_nI grandi orrori moderni, alle porte di casa nostra, ci dovrebbero far comprendere, più che mai, come le lotte al potere si facciano usando i civili come formiche, come res, come capri/corpi espiatori. Continiamo a ripetere Israele attacca Gaza, Mosca accusa Kiev, la verità è che l’ego di singoli individui non rappresenta il resto del popolo, sono solo singoli individui con armi di ultima generazione, che ammazzano qualsiasi essere respirante possa ostacolare le manie di grandezza. Il diritto internazionale mi ha insegnato che uno stato non esiste senza il popolo, senza un territorio e senza una sovranità e Darwin mi ha insegnato che il più forte uccide o controlla il più debole. Siamo pedine, in una partita a scacchi di cui non conosciamo gli esiti, o semplicemente ci è difficile e incomprensibile anche solo pensare a quali possano essere. Chiudo raccontandovi un aneddoto:

Ricordo che qualche mese fa, mi trovai a chiacchierare con una ragazza, quando venimmo interrotte da una bambina venuta a stampare alcune pagine di geografia. In quel momento sentì Sasha dirle “Guarda, anche se quì non te lo dicono, anche se non la disegnano, quì c’è un lembo di una terra chiamata Palestina, oggi rappresentata dalla striscia di Gaza. Devi ricordarlo, tienilo a mente e dillo anche ai tuoi compagni, dì loro che ci sono bambini come voi in Palestina”.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...