riflessioni, storie

Devi soffrire

20130205-102256

Laciami il polso.

Non posso.

Lascialo.

Se ti lasciassi il polso, tu andresti via, sei brava in questo.

Hai preso quello che volevi. Volevi la mia carne? Deve bastarti.

Non mi basta. Tu sei altro e non vuoi che io lo veda.

Non lo meriti, devi meritarmi e tu non sei niente, perchè io per te non sono niente, non sono mai stata niente e mai lo sarò. ( gli disse afferrandogli il collo con una mano)

Hai intenzione di strozzarmi?(Mai aveva visto quello sguardo. Gli sembrava dolce quella morte, quegli occhi nocciola, quasi gialli come gli occhi di un gatto, i lineamenti morbidi di quel viso collimavano in un sorriso sornione. Si avvicinò al volto, le labbra a sfiorarsi)

Devi soffrire. Devi strisciare. Devi soffocare. Devo mancarti come l’aria. Quando e se dovessi vedere questo in te, allora e solo allora sarò il tuo ossigeno e tu il mio, fino a quel momento saremo pezzi di carne senza vita, carne da macello. Ora lasciami il polso e io lascerò il tuo collo.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...