storie

“La ragazza con la pistola”

308419-900x687

L’aveva trascinata per i capelli fino alla camera da letto.

Inginocchiati, chiedimi scusa. Credevi che non me ne accorgessi. Dove cazzo vuoi andare? E perchè continui a ridere. Ne vuoi un altro?

L’aveva schiffeggiata, tante di quelle volte. Lei le ricordava tutte. Aveva solo dimenticato la prima, forse perchè ancora lo amava, ma con il tempo aveva seppellito quel sentimento e lui nell’oblio della sua mente. Lui invece lei l’aveva trovata, ancora, l’aveva riconosciuta anche se aveva tagliato i capelli e li aveva tinti di mogano, come la sedia che le scaraventò addosso la seconda volta, solo per aver lasciato cadere un piatto per terra.

Ti sei trovata l’amichetto nuovo eh? Da brava sgualdrina andrai a trovarlo. Cosa ha lui eh? Non ti scoperà sicuramente come me.

Le strappò le calze e la prese di nuovo, con violenza e lei se ne stava su quel pavimento di cotto gelido ridendo, come se fosse stata colta da una paralisi improvvisa. Scorrevano le lacrime e scorreva lui tra le sue carni, fin quando non si sentì sazio, fin quando non venne, dentro quella carne fredda, in quell’involucro morto che era il corpo di lei.

Ora diglielo a quel povero coglione che sei mia, sarai sempre mia.

Mentre lui si rialzava i pantaloni, lei smise di piangere, smise di ridere, riprese a respirare. Mai fu così veloce, corse verso il comodino vicino al letto, prese la pistola e camminò lenta fino al bagno, dove lui si stava lavando.

Dimenticavo, questa è l’ultima volta.

Gli sparò dritto in fronte. Era sporca di sangue, non riusciva a capire se fosse quello che le continuava a scendere dal naso, o se fosse quello di lui, che aveva imbrattato tutte le mattonelle verdi del bagno. Afferrò il cellulare che lui aveva lanciato nel lavandino della cucina, prese l’ultima sigaretta dal pacchetto, dovette tenerla con entrambe le mani per riuscire ad accenderla.

Pronto, Carabinieri? Sono sempre io, sono sempre nella stessa casa. L’ho ucciso io, venite a prendermi.

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...