interviste

“Amor proprio!”(Intervista a Manuele Altieri)

Ho intervistato Manuele principalmente perché adoro il lato erotico delle sue illustrazioni, poi, come sovente accade, sono andata oltre e, incuriosita dalle sue foglie, gli ho chiesto di scambiare quattro chiacchiere.

15972330_1339546346103487_704717839130474750_o

1)Partendo dal principio. Ho trovato una tua intervista, credo di un paio di anni fa, in cui rispondevi a qualche domanda sulla fotografia. Passione passeggera o portata avanti? E se si, come è cambiato il tuo modo di vedere attraverso l’obiettivo?

– Quella fu in assoluto la mia intervista e rileggerla oggi fa sorridere, forse anche questa mi farà lo stesso effetto tra diversi anni, chi lo sa. Fotografo ancora oggi, è una di quelle passioni che non smettono, piuttosto crescono e si evolvono. Qualche anno fa preferivo scattare in bianco e nero, poi ho scoperto il colore e ora non riesco più a tornare indietro, insomma, un po’ tutto il contrario di quello che succede nelle illustrazioni. Prima cercavo le persone, uomini e donne nel quotidiano, azioni, adesso mi attirano anche gli oggetti, l’inanimato, cosa che in passato escludevo a priori. Farà parte del processo di crescita, ma sicuramente avrò perso un sacco di belle foto!

16179285_1353766934681428_4505060060834703524_o

2)Hai aperto da poco la tua pagina su facebook, condividendo le illustrazioni che prima postavi solo sul tuo canale tumblr. Come mai questa apertura a un social con così tante restrizioni?

-Il tumblr esiste da diversi anni, è stato il primo posto dove mi son detto “Ok, mettiamo qualche cosa qui e vediamo cosa succede”. Prima con le foto, ora con le illustrazioni, è un modo per farsi conoscere e allo stesso tempo per tener un diario personale di emozioni e vissuti che altrimenti avrei perso. La pagina è stata una conseguenza, sicuramente, come dici tu, con più restrizioni, ma è anche vero che si riescono a raggiungere persone diverse, ha un più ampio raggio, persone alle quali, diversamente, non sarei mai stato in grado di comunicare qualcosa.

16112633_1346348532089935_1819159960804446995_o

3)Quello che mi affascina delle tue illustrazioni, è la quasi totale assenza di colore. Mi fa pensare a qualcosa disegnato di getto. Sbaglio?

-Il colore è tale per chi lo sa usare, io ancora non mi sento sicuro. E’ una responsabilità e alle volte è solo un di più all’illustrazione.Mi capita spesso di immaginarli colorati e non mi ci ritrovo, non mi ci rispecchio, ma mi piace pensare che qualcuno a casa li prenda, li stampi e li colori. E’ capitato qualche volta ed è stato stupendo vedere, come gli altri si ritrovassero in esperienze vissute da qualcun altro. Non sbagli quando dici che sotto c’è qualcosa di getto, non solo per l’illustrazione in sè, ma anche per le parole che spesso le accompagnano. Le parole ti tormentano, girano per la testa e non riesci a codificarle, non riesci a metterle a fuoco, poi ad un tratto, eccole, e diventa tutto più facile, un pezzo di te si tramuta in altro.

16991961_1388944451163676_2425252081019228903_o

4)Ho notato, nei tuoi ultimi disegni, la presenza costante di foglie. Si tratta di una scelta stilistica casuale?

-Son cresciuto in campagna e ancora oggi non riuscirei mai a vivere in una grande città per un lungo periodo di tempo. Quando ero piccolo mia madre aveva questo libro bellissimo che sfogliavo, chiedendole il permesso, lo aveva realizzato ai tempi del liceo. Lo aprivo e aveva queste pagine completamente nere di cartoncino spessissimo, dove erano cucite con del filo rosso una varietà di foglie che per me all’epoca erano tantissime. Lei, sedeva vicino a me e le raccontava, le descriveva, ad ogni foglia una storia, ad ogni storia un ricordo. Ho solamente ripreso quel concetto, un gioco della memoria.

16903245_1382919755099479_1560258365300951989_o

5)Tra i tuoi lavori, ce n’è qualcuno a cui sei particolarmente legato?

Anche se recente, quello dell’Amor Proprio, forse è quello a cui sono più legato, un monito per me, da tener sempre in bella vista.

15972337_1340364579354997_2354060370640606173_o

6)Se dovessi realizzare qualcosa d’impulso, cosa disegneresti?

-Quando sono in studio ed ho fame, tipo adesso, disegno dolci sui post-it, non li pubblico quasi mai, foglie e donne vincono sulla fame, credo!

17106091_1576615985701649_1245884989_o

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...